programma dettagliato

PRIMO ANNO

 

Il primo anno di corso è dedicato alla scoperta del proprio potenziale creativo, all’insegnamento delle materie di base e alla scoperta della propria sensibilità artistica e delle reali motivazioni che spingono l’allievo a frequentare un corso di teatro.

L’obiettivo principale del primo anno è la DISINIBIZIONE, cioè sentirsi liberi di poter fare qualsiasi cosa: gridare, piangere, disperarsi, essere ridicoli, volare, impazzire… tutto ciò che nella vita normale non si fa o non si può fare. 

L’allievo imparerà a reagire sinceramente e in modo spontaneo, ossia senza giudicarsi, agli stimoli che riceve in scena.

Gli esercizi avvicineranno l'allievo al GIOCO TEATRALE, così che egli possa assimilare tutte le emozioni che la vita gli regala, conoscerle, custodirle e trasformarle in un vasto repertorio personale da comunicare al mondo e quindi al pubblico. 

Come il bambino che gioca crede realmente in quello che fa, predisponendosi con mente, corpo e voce all'azione da svolgere, così l'attore, riscopre la genuinità di una situazione creata pur restando nella consapevolezza della sua finzione.

In questo gioco, l'attore ha un grande vantaggio sul pubblico: ha il potere di comunicare, di trasmettere, di emozionare l'altro pur essendo l'altro diverso da sé.

 

MATERIE DI BASE:

 

SLANCIO : un attore non deve solo "pensare", ma soprattutto "agire".

ASCOLTO : un attore deve saper ascoltare sé stesso, gli altri e tutto ciò che lo circonda, sia sulla scena, sia fuori dalla scena.

FIDUCIA : un attore deve aver fiducia in se stesso e nel compagno che è in scena con lui.

ENERGIA : un attore deve essere generoso, donarsi sempre al massimo, con tutto il corpo, l'anima, le emozioni. 

RESPIRAZIONE : un attore per vivere sulla scena deve saper respirare. E' dal respiro che nascono le emozioni: se non si respira non si vive.

 

MATERIE DEL PRIMO ANNO:

 

  • IMPROVVISAZIONE DI PRIMO LIVELLO

  • MOVIMENTO SCENICO 

  • TRAINING FISICO

  • CARATTERIZZAZIONE DEL PERSONAGGIO

  • PRIMI ELEMENTI DI EDUCAZIONE ALLA VOCE

  • BASI DI FONETICA E DIZIONE

 

Sono previsti  due saggi/spettacoli: uno a metà anno ed uno a fine anno.

 

 

SECONDO ANNO

 

Nel secondo anno verranno approfonditi, incentivati e sviluppati  appresi durante il primo anno per avvicinarsi alla scoperta del personaggio, alla sua analisi e costruzione, affrontando il testo teatrale con l'aiuto della ricerca e della creazione drammaturgica.

 

MATERIE :

 

  • IMPROVVISAZIONE DI SECONDO LIVELLO

  • EDUCAZIONE ALLA VOCE

  • DIZIONE

  • MOVIMENTO SCENICO

  • BIOMECCANICA

  • LAVORO SULLA METODOLOGIA DI APPROCCIO AL TESTO (MONOLOGHI-DIALIGHI)

  • LAVORO SUL PERSONAGGIO

  • RECITAZIONE

 

Sono previsti  due saggi/spettacoli: uno a metà anno ed uno a fine anno.

 

 

TERZO ANNO

 

Il TERZO ANNO si propone di sviluppare una mentalità professionistica, che permetta all’allievo diplomato di svolgere il lavoro dell’attore in qualsiasi circostanza.

L’obiettivo di questo terzo anno, che conclude il percorso triennale previsto dalla scuola, è quindi di arrivare a una piena consapevolezza di sé, delle proprie capacità e potenzialità espressive, lavorando sulla messa in scena di uno spettacolo.

Il ciclo consigliato di studio è quindi di tre anni.

 

MATERIE:

 

  • IMPROVVISAZIONE SUL TESTO

  • MENTALITA’ SCENICA

  • COMPLEMENTI DI REGIA

  • EDUCAZIONE ALLA VOCE E DIZIONE

  • STUDIO DEL PERSONAGGIO

  • RECITAZIONE/INTERPRETAZIONE

 

E’ previsto uno spettacolo di diploma a fine anno.